gualtiero.grassucci – A la Guerre…

Autore: gualtiero.grassucci

¡¡No queda sino batirnos!! 2.11

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

Ultimamente abbiamo ricevuto alcune segnalazioni, anche critiche, riguardo un particolare aspetto di ¡¡No queda sino batirnos!!, versione seicentesca del regolamento A la Guerre… Si tratta del test del morale delle unità caricate (cfr. 10.2 Test del morale a pagina 67 del regolamento), la tabella dei risultati del test del morale afferma che l’unità supera il test con un punteggio modificato di 6, con un punteggio di 4 o 5 l’unità è ferma e disordinata.

A molti è sembrato eccessivamente punitivo per l’unità caricata, in particolare per la cavalleria caricata da altra cavalleria. In effetti, ripensandoci e facendo qualche esperimento mirato, siamo giunti alla stessa conclusione e abbiamo pensato di modificare, veramente di poco, il regolamento. In sostanza, la tabella dei risultati del morale, ora asserisce che l’unità caricata supera il test (ed eventualmente può controcaricare) con un punteggio modificato di 5 o 6, con 4 è ferma e disordinata, con 3 subisce un livello di disordine e ripiega, con 2 i livelli di disordine sono due mentre, come di consueto, con un punteggio al test di 1 l’unità è in rotta. Qui di seguito, per comodità di lettura, è riportata la nuova tabella dei risultati del morale.

Tabella dei risultati del morale

Dalla pagina Download è possibile scaricare la nuova versione del regolamento (2.11), con la correzione appena illustrata, nuova edizione che è disponibile anche seguendo direttamente questo collegamento. Contestualmente abbiamo aggiornato le schede e le tabelle di gioco che, oltre che dalla pagina Download citata, si possono scaricare qui.

de cape et d’epée: versione sintetica

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

Abbiamo da poco pubblicato la revisione di de cape et d’epée, il regolamento per piccoli scontri della serie A la Guerre… A questo si aggiunge, ora, la versione condensata dello stesso set di regole: una sintesi, completa ed esaustiva, di tutto il regolamento in sole otto pagine (anzi, sei in realtà).

Ovviamente la sintesi è priva di esempi, non tratta i casi particolari, per alcune tabelle rimanda al regolamento esteso mentre alcune caratteristiche (le abilità dei personaggi o l’artiglieria, su tutte) non sono trattate. L’idea è, però, quella di fornire al giocatore la possibilità di mettere su una partita in poco, pochissimo tempo, e provare le principali meccaniche del gioco. I giocatori sono invitati, non appena possibile, a usare e consultare la versione estesa dove ogni aspetto del regolamento è trattato in modo più completo e illustrato con un buon numero di esempi.

Attenzione! Non si tratta di una nuova versione, semplificata, del regolamento. Il gioco rimane esattamente lo stesso. È, piuttosto, un’introduzione, veloce, alle dinamiche di de cape et d’epée.

de cape et d’epée 2.0!

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

Il regolamento della serie A la Guerre… dedicato ai piccoli scontri e alle scaramucce, de cape et d’epée (di cappa e spada) è stato rivisto e ampliato nella nuova versione 2.0 che è possibile scaricare, come di consueto gratuitamente, dal sito.

Moschettieri a KillygullanA parte alcune piccole correzioni qui e là, ci sono due sostanziose novità:

  • La nuova versione introduce le azioni collaborative, azioni che tutti i personaggi di una squadra possono compiere congiuntamente, per raggiungere insieme un obiettivo (costruire una fortificazione, distruggere un edificio, …). Il meccanismo è semplice e abbastanza elegante: il punteggio del dado di attivazione si moltiplica per i personaggi della squadra, il totale è il numero di punti azione (PA) disponibili per l’azione dell’intera squadra. Se questi PA sono sufficienti la squadra riesce nel suo intento. Non è una completa novità in quanto un meccanismo simile era stato introdotto in alcuni scenari (per esempio Bruciate tutto!) ma ora le regole sono organizzate meglio e armonizzate con il resto del regolamento.
  • Ora è possibile giocare anche con l’artiglieria. Certo non con un’intera batteria di cannoni o di obici, vista la scala del regolamento, ma con un singolo pezzo o con un solo mortaio. Sono possibili nuovi scenari e situazioni che prima non era possibile simulare.

Nei prossimi giorni saranno aggiornate le liste (niente paura, nessun cambiamento sostanziale, solo l’ampliamento per tener conto della possibilità di schierare singoli pezzi di artiglieria).

Il regolamento, in formato PDF è disponibile seguendo questo collegamento oppure nella pagina Download del sito.

Approfittiamo per ricordare che si tratta di un PDF evoluto. In particolare:

  • ogni voce del sommario è un collegamento funzionante che rimanda al capitolo/paragrafo corrispondente;
  • i rimandi nel testo, in genere del tipo  (cfr. 4.0 Movimento a pagina 19) … , sono anch’essi collegamenti funzionanti che portano al capitolo/paragrafo menzionato;
  • in caso di stampa è possibile nascondere il livello chiamato Sfondo che contiene la grafica di sfondo (per l’appunto) della pagina e risparmiare inchiostro.

La battaglia de La Marfée del 1641

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

È ora disponibile lo scenario per la battaglia de La Marfée, combattuta il 6 luglio del 1641 nei pressi di Sedan, in Francia (vedi la carta degli scenari).

Gaspard III de Coligny marchese d’Andelot
Gaspard de Coligny, duca di Chatillon e marchese d’Andelot

Da poco ho scoperto che le due sollevazioni contro il potere di Mazzarino, rispettivamente guidate della borghesia (Fronda parlamentare) la prima e della nobiltà (Fronda dei principi o Fronda nobiliare) la seconda, furono precedute di una decina di anni da un moto di ribellione che ebbe il suo centro politico nel principato, allora indipendente, di Sedan e tra gli animatori Luigi di Borbone, conte di Soissons, principe di sangue e cugino del re, e Enrico de La Tour d’Auvergne, principe di Sedan. Quindi non due personaggi qualsiasi nella Francia di allora.
La situazione giunse a un punto tale che Richelieu inviò contro gli oppositori un esercito, l’armata della Champagne, guidata da Gaspard de Coligny, duca di Chatillon. La battaglia tra l’armata reale e i ribelli, sostenuti da un contingente spagnolo (ricordiamoci che siamo nel pieno della fase finale della Guerra dei trent’anni) è ricostruita in questo scenario.
Malgrado la vittoria dei Principi della pace, denominazione che deriva dal manifesto politico degli oppositori, a la Marfée, la rivolta ebbe termine nel 1642 e il principato di Sedan fu annesso alla Francia.

Per l’occasione sono state anche riviste le liste per la Guerra dei trent’anni e per la Guerra franco-spagnola, aggiungendo alcuni generali, le caratteristiche delle truppe sono rimaste invariate.

La battaglia di Bléneau del 1652

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

Continua ad ampliarsi l’offerta per la Guerra franco-spagnola con uno scenario che, però, riguarda un affare del tutto francese: la guerra civile nata a seguito della Fronda dei principi. Negli anni a cavallo della metà del seicento il regno di Francia fu scosso da due rivolte denominate la Fronda parlamentare, l’opposizione del parlamento di Parigi, e la Fronda nobiliare (o, come detto, Fronda dei principi), guidata da una parte della nobiltà. Principi e cavalieri si schierarono contro o a favore (e a volte sia contro che a favore) del re dando vita a una guerra civile che vide, ovviamente, la Spagna finanziare e supportare i frondisti.
La battaglia di Bléneau (7 aprile del 1652) costituisce uno degli episodi cruciali di quel periodo. La corte, fuggita da Parigi, si trova minacciata dai soldati di Luigi II di Borbone, principe di Condé. L’ultima difesa di Luigi XIV, della regina Anna e del cardinale Mazzarino sono le truppe dell visconte di Turenne. Inevitabile che i due condottieri, tra i più famosi e carismatici del tempo, si trovino uno contro l’altro sul campo di battaglia!
La battaglia, simulata con A la Guerre…, si può ricostruire su un tavolo della sala e giocare tranquillamente in una serata (lo scenario lo trovate qui: alaguerre.luridoteca.net/?page_id=1769). L’ideale per un test del regolamento o del periodo o se si ha un tempo limitato da dedicare a quest’hobby. Lo scenario alternativo, tra l’altro, consente di schierare sul campo anche un tercio di fanteria spagnola, ulteriore motivo di interesse.
Tra le fonti usate per la realizzazione dello scenario va citato anche il numero 84 della rivista Vae Victis: Les Batailles de la Fronde.

La Guerra dei trent’anni in 10mm

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

Alcune foto della gloriosa fanteria spagnola per la Guerra dei trent’anni. Miniature in scala 10mmm dellaPendraken.
Vendute tutte le basi realizzate negli anni in 15mm (soprattutto Testudo) l’idea di passare a una scala inferiore ha per obiettivo proprio e soprattutto quello di rendere meglio i tercios spagnoli, che nel regolamento A la Guerre… sono rappresentati da due basi standard una dietro l’altra.
Per una migliore resa estetica ho scelto di sistemare le miniature su basi per i 15mm (8cm di fronte x 4cm di profondità).

[huge_it_gallery id=”4″]

La battaglia di Rethel 1650

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

Henri de la Tour d’Auvergne-Bouillon detto il Grand TurenneIl 15 dicembre del 1650 César de Choiseul, conte di Plessis-Praslin, alla testa di una piccola armata francese, sconfiggeva l’ex-collega Henri de La Tour d’Auvergne, visconte di Turenne, anche lui francese ma al comando di truppe per la maggior parte spagnole. Sono gli anni della cosidetta Fronda dei principi, che vedeva parte della nobiltà francese combattere la reggente Anna d’Austria e il vero detentore del potere, il cardinale Mazzarino. Qui trovate lo scenario.
La battaglia è piccola. Così piccola che può essere ricostruita e simulata con il regolamento A la Guerre… ¡¡No queda sino batirnos!! – usando solo 30 basi di cavalleria e fanteria.
È anche particolare perché contrappone un’armata francese composta di truppe esperte, addestrate e ben equipaggiata ma mal guidate da generali non troppo efficaci a un esercito franco-spagnolo guidato invece da alcuni dei più capaci generali francesi, temporaneamente al servizio di Filippo IV re di Spagna.
È un ottimo scenario per testare il regolamento, se non lo avete mai provato, o per una battaglia veloce uno contro uno.
Un’ultima curiosità. La battaglia fu combattuta in realtà tra Sommepy, Saint-Etienne-a-Arnes e Semide ma dato che il cardinale Mazzarino si trovava, nel corso dei combattimenti, nella vicina cittadina di Rethel, questo fu il nome con cui ci è stata tramandata.

Chiarimenti sulle regole

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

Mischia

Mischia di cavalleria a DunkerqueDomenica ad Agliana mi è stata proposta una situazione di gioco che riguardava  A la Guerre… Battaglie nell’epoca dei lumi. Purtroppo in un momento piuttosto concitato e la confusione non mi ha consentito di rispondere adeguatamente. Rispondo ora qui sperando di essere comunque utile.

Il quesito, il dubbio, riguardava una mischia tra due unità di cavalleria. A questo proposito è bene precisare che una mischia, che coinvolga cavalleria oppure no, può durare al massimo tre round. Infatti, supponendo che le due unità coinvolte siano ordinate all’inizio della mischia:

  • nel primo round almeno una delle due (quella che ha subito più danni) è disordinata;
  • nel secondo round possono succedere due cose:
    • l’unità già disordinata perde il round di mischia, diventa scossa e deve ripiegare o andare in rotta e la mischia è conclusa;
    • l’unità non ancora disordinata perde il round di mischia e diventa disordinata, la mischia va avanti per un altro round;
  • nel terzo round l’unità che perde il round diventa scossa (se il round finisce in parità entrambe diventano scosse) e deve ripiegare o andare in rotta, in ogni caso la mischia è conclusa (cfr. 6.1 Procedure a pagina 21 del regolamento).

Sulla via di Derry: lo scenario per Hellana 2018

Published / by gualtiero.grassucci

Nel 1689 i soldati inglesi e nordirlandesi controllano le contee dell’Ulster ma gli eserciti fedeli a Giacomo II Stuart si stanno organizzando per marciare su Derry, principale base inglese nell’Irlanda del nord. Nelle campagne dell’Ulster i picchetti guglielmiti cercano di controllare il territorio mentre i giacobiti iniziano ad avanzare verso nord.
Sulla via di Derry: granatieri e fanti inglesiVie e crocevia nelle contee dell’Ulster sono controllati dai soldati inglesi e dai loro alleati con il duplice scopo di tenere sotto controllo il territorio e scorgere il prima possibile le avanguardie giacobite in marcia verso Derry (Londonderry per i guglielmiti). In particolare granatieri e fanti inglesi e olandesi presidiano un crocicchio a Killygullan, poche miglia a sud di Newtown (oggi Newtownbutler).
Da qui prende il via lo scenario Sulla via di Derry che porteremo ad Agliana  (https://www.facebook.com/events/1776700115958211/) il prossimo fine settimana in occasione di Hellana 2018!

Uno scontro imperniato su due squadre di granatieri da una parte e due drappelli di dragoni, uno dei quali di elite, dall’altra. Si tratta del primo scenario skirmish proposto su questo sito con truppe armate di granata. Siamo curiosi di vedere come sarà giocato ad Agliana!

Scontro di cavallerie

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

Abbiamo approfittato di un quesito regolamentare per realizzare un nuovo tutorial per la versione seicentesca di A la Guerre…

Scontro di cavallerie: la situazioneLa situazione da cui è scaturito il problema è mostrata nella figura qui accanto. Le cavallerie indicate con 4 e 6 sono in mischia con due basi, sempre di cavalleria, avversarie. Come vanno separati i combattimenti?

Il regolamento obbliga a combattere solo mischie in cui c’è … una sola unità contro una o più unità … avversarie, per cui:

  • la base con il numero 6 deve necessariamente combattere con la base nemica indicata dal numero 5 essendo l’unica unità con cui è in contatto;
  • a sua volta la base indicata con 1 deve  obbligatoriamente combattere con la base avversaria 4 per lo stesso motivo.

Quindi la mischia è suddivisa in due combattimenti: 6 contro 5 e 4 contro 1.

Per chiarire meglio le dinamiche e approfondire la situazione potete consultare il tutorial Scontro di cavallerie!