Mese: ottobre 2017

Verso la fine della guerra: altri due scenari

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

Pubblichiamo due interessanti scenari per A la Guerre… versione seicentesca: la battaglia di Herbsthausen (anche conosciuta come battaglia di Mergentheim) del 2 maggio del 1645 e la battaglia di Alerheim (o seconda battaglia di Nordlingen) del 3 agosto. Due battaglie combattute nello stesso anno e con molti dei protagonisti che sono presenti in entrambe. Tra tutti il visconte di Turenne, che presto conquisterà il soprannome di Grand Turenne, e Franz von Mercy, signore di Mandre e Collenburg, che perderà la vita proprio nella battaglia di Alerheim.

Entrambe raccontano la storia dell’invasione della Germania sud-occidentale da parte delle armate francesi e dei loro alleati in un periodo in cui l’impero asburgico è in piena crisi (finanziaria, di risorse, di uomini) e stenta ormai a reggere la pressione esercitata dagli svedesi (all’inizio della primavera Torstensson ha battuto un esercito imperiale e bavarese a Jankov) a nord e dai loro alleati francesi a est.

Breitenfeld, due grandi vittorie svedesi

Published / by gualtiero.grassucci / Leave a Comment

Le pagine dedicate alla Guerra dei Trent’anni si arricchiscono di due nuovi scenari, due fulgide vittorie svedesi, colte entrambe nei pressi del paesino di Breitnfeld nella odierna Germania (vedi la mappa):

  • La prima battaglia di Breitenfeld, combattuta il 17 settembre 1631, all’inizio del cosiddetto periodo svedese della guerra. Un vero capolavoro tattico di Gustavo Adolfo, una vittoria che spostò l’equilibrio del conflitto dalla parte svedese e che convinse molti principi protestanti a schierarsi con il re scandinavo.
  • La seconda battaglia, del 2 novembre 1642. Sono passati undici anni, Gustavo Adolfo è morto a Lutzen (vedi Lutzen 1632) che si trova, tra l’altro, a circa trenta chilometri da Breitenfeld, ma i signori della guerra svedesi dettano ancora legge in Germania e l’impero asburgico ormai fatica a reclutare nuovi eserciti.

Come spesso accade, la realizzazione dei due scenari ha portato a un’espansione delle liste per la Guerra dei trent’anni a cui sono stati aggiunti nuovi comandanti e generali.