Breitenfeld 1642

2 novembre 1642 (23.10.1631 secondo il calendario giuliano)

La Sassonia cade nelle mani di Torstensson.

Scarica le liste per a Guerra dei Trent’anni e lo scenario in formato PDF. Scenari collegati: Breitenfeld 1631.

Una grande, piena, fulgida vittoria svedese che cancella uno degli ultimi eserciti imperiali della guerra. Con la battaglia di Breitenfeld la guerra si avvia verso la conclusione e l’impero Asburgico non riuscirà più a sovvertire le sorti del conflitto.

Breitenfeld 1642 mappa

Legenda

Truppe
Fanteria di linea Granatieri Artiglieria Dragoni Fanteria leggera
Fanteria Granatieri Artiglieria Dragoni Fanteria leggera
Moschettieri Picchieri  Grandi unità di fanteria Corazzieri Cavalleria pesante
Moschettieri Picchieri Tercios Corazzieri Cavalleria pesante
Traini o carriaggi Cavalleria della Guardia Cavalleria leggera
Traini o carriaggi Cavalleria della Guardia Cavalleria leggera
Nazionalità
Sacro Romano Impero
Svezia Sacro romano impero

Nella mappa ogni settore/quadrato misura 20cm nella scala 6mm o 10mm, 27cm nella scala 15mm (in questa scala si può arrotondare a 30cm la dimensione del quadrante), 40cm nella scala 20mm(1/72) e 25/28mm. Ogni unità sulla mappa rappresenta un reggimento di fanteria o di cavalleria. Le unità di artiglieria sono batterie di sei cannoni (a meno che non sia specificato diversamente).

Note

Tutti i centri abitati possono essere occupati da una base di fanteria e/o una batteria di artiglieria e hanno tutti vdf1. I corsi d’acqua sono transitabili da fanteria e cavalleria ma non dall’artiglieria e sono ostacoli di livello zero.

Le linee di comunicazione dell’esercito della Lega cattolica va verso nord ed esce dal tavolo nel settore D4. Le linee di comunicazione dell’armata svedese sono dirette verso Lipsia ed escono dal tavolo di gioco nei settori D1 e E1.

Regole speciali

L’esercito della Lega cattolica ancora in fase di schieramento

Il generale svedese Torstensson ebbe la prontezza e il tempismo di attaccare il nemico mentre stava ancora schierandosi per la battaglia sorprendendo cavalleria e fanteria avversaria in marcia. Per simulare questa situazione le truppe imperiali iniziano la battaglia tutte in colonna di marcia (anche se nella mappa sono rappresentate schierate) e disordinate come se avessero appena utilizzato un movimento tattico.

Protagonisti

Leopold Wilhelm d’Asburgo arciduca d’Austria Lennart Torstensson
Leopoldo Guglielmo d’Asburgo arciduca d’Austria
(Wiener Neustadt 1614 –  Vienna 1662)
ritratto di David Teniers il giovane
Lennart Torstensson
conte di Ortala e barone di Virestad
(1603 – 1651)

Lega cattolica

19.700 uomini: 11.000 fanti, 7.800 cavalieri e 18 cannoni da campo

  • Lega cattolica: Leopoldo V 0 8um – 4d6 [22]
    • ImMdArt 1/1/- – ImMdArt 1/1/- – ImMdArt 1/1/-
    • Gonzaga 0 8um ala destra
      • ImCav 2/-/2 a – ImCav 1/-/1 a (rgt. Mislik, Alt-Piccolomini, Bruay, Montecuccoli, Sperreuter)
      • ImCav 1/-/1 a – ImCav 1/-/1 a (rgt., Neu-Piccolomini, La Coronna Traga, Erzherzog Leib, Piccolomini Leib, Spiegel)
      • ImCav 1/-/1 a – ImRei 1/0/-1 a (rgt. Luttke, Wolframsdorf , Capaun, Alt-Nasau, Borneval, Munster)
      • ImLC 0/-1/0 – sk/ln (rgt. …)
    • Piccolomini 0 8um
      • ImSh 1/1/0 – sk/ln (rgt. …)
      • ImPk 3/1/2 a – ImPk 3/1/2 a (rgt. Caretto, Enkefort)
      • ImPk 1/0/2 – ImPk 1/0/2 (rgt. Webel, Sax-Lauenburg)
      • ImPk 1/0/2 – ImPk 1/0/2 (rgt. Moncado, Suys)
      • ImPk 2/0/2 a – ImPk 2/0/2 a (rgt. Gonzaga, Ranfft)
      • ImPk 1/0/1 a – ImPk 1/0/1 a (rgt. Erzherzog Leib, Fernemont, Wachenheim)
    • von Pucchheim 0 8um ala sinistra
      • ImCav 2/-/2 a – ImCav 1/-/1 a (rgt. Pompeji, Madlo, L. Gonzaga, Vorhauer, Wintz)
      • ImCav 1/-/1 a – ImCav 1/-/1 a (rgt. Jung, Jung-Heister, Alt-Heister, Burksdorf, Lammersdorf, Callenberk)
      • ImRei 1/0/-1 a – ImRei 1/0/-1 a (rgt., Warlosky, Knoche, Burke, Gallas, Hanau, Schleinitz)
      • ImLC 0/-1/0 – sk/ln (rgt. …)
    • Suys 0 8um riserva
      • ImCav 1/-/1 a – ImCav 1/-/1 a (rgt. Nicola, Novery, Grodetzky)
      • ImCav 1/-/1 a – ImCav 1/-/1 a (rgt. Gissenburg, Desfurs, Paconchay)

Breitenfeld 1642 Lega cattolica

 

Armata svedese

16.000 uomini: 10.000 fanti, 6.000 cavalieri e 18 cannoni da campo

  • Armata svedese: Torstensson +2 10um – 6d6 [16]
    • SwMdArt 1/0/- – SwMdArt 1/0/- – SwMdArt 1/0/-
    • Slang +1 8um ala sinistra
      • SwCav 2/-/2 a – SwCav 2/-/2 a (rgt. Lif, Landgraf von Hessen, Hoking, Kinsky)
      • SwCav 1/-/1 a – SwCav 1/-/1 a (rgt. Derfflinger, Wittkopp, Helm, Wrangel)
      • SwLC 1/-1/0 – sk/ln (rgt. …)
    • Torsten 0 8um centro
      • SwSh 1/1/0 – sk/ln (rgt. …)
      • SwPk 3/1/2 a – SwPk 3/1/2 a (bgd. Wrangel, Mortainge, Lilliehok)
      • SwPk 2/1/2 a – SwPk 2/1/2 a (rgt., Banér, Axel Lillie, Pfuel)
    • Lilliehöök 0 8um seconda linea di fanteria
      • SwPk 2/1/2 a SwPk 2/1/2 a (bgd. Schlieben, Jeschwitski)
      • SwPk 1/0/2 a SwPk 1/0/2 a (bgd. Maul, Plettenberg, Gamla)
    • Wittenberg 0 8um ala destra
      • SwSh 1/1/0 – sk/ln (rgt. Banér)
      • SwCav 1/-/2 –  SwCav 1/-/2 (rgt. Stålhandske, Wittenberg, Cratzenstein, Douglas)
      • SwCav 1/-/1 a –  SwCav 1/-/1 a (rgt., Billinhusen, Schulman, Pfuel)
      • SwCav 1/-/2 –  SwCav 1/-/2 (rgt., Mitslaff, Tideman, Lilliehöök)

Breitenfeld 1642 armata svedese

La storia

Il 1642 non era stato un buon anno per le armate imperiali. Torstensson, che aveva sostituito Banér alla testa delle truppe svedesi, aveva ripreso l’iniziativa con rinnovato vigore e con grande tenacia conquistando la Moravia e minacciando Vienna. I possedimenti imperiali, ormai vicini al collasso per la guerra che ormai durava da 24 anni, furono spremuti ancora una volta per reclutare un esercito che respingesse gli svedesi e i loro alleati lontano dalla capitale.

Leopoldo Guglielmo d’Asburgo arciduca d’Austria, coadiuvato da Ottavio Piccolomini, e i loro uomini manovrarono abilmente in modo da costringere Torstensson a retrocedere in Sassonia e alla fine dell’autunno di quell’anno, alla fine, i due eserciti si trovarono a poche miglia l’uno dall’altro nei pressi della cittadina di Breitenfeld teatro, undici anni prima, di una fulgida vittoria svedese.

Torstensson, in inferiorità numerica ma con un esercito ben addestrato, disciplinato e ben armato, con un’accorta manovra, fu in grado prima di retrocedere e poi attaccare improvvisamente cogliendo il nemico ancora in fase di schieramento. La cavalleria imperiale di von Puccheim, schierata all’ala sinistra, tenta a sua volta di sorprendere il nemico che avanza con una manovra aggirante ma è rapidamente sconfitta, così come la cavalleria sull’ala opposta e il centro imperiale, composto sostanzialmente di fanteria, si trova con entrambi i fianchi esposti e minacciati. Malgrado questo riesce a opporre una tenace resistenza alle picche svedesi che li pressano sul fronte provocando perdite significative tra le file degli svedesi.

Ma le continue e ripetute cariche di cavalleria sui fianchi dei tercios imperiali pian piano sfiancano i soldati asburgici che tentano di proteggersi formando gradi quadrati di fanteria che però diventano il bersaglio dell’artiglieria nemica che con il suo fuoco apre sanguinosi squarci tra le file austriache. Il combattimento per gli imperiali è impossibile da vincere e in poche ore, spossata, la fanteria cede lasciando sul campo tutta l’artiglieria e molti dei carriaggi a seguito dell’esercito.

È una disfatta piena e assoluta da cui l’impero asburgico non si riprenderà. Ormai le sorti della guerra, che durerà altri sei anni, sono virate a favore della Svezia e dei principi protestanti tedeschi.

Breitenfeld 1642 autore anonimo
La battaglia di Breitenfeld del 1642 (seconda battaglia di Breitenfeld) opera di un artista anonimo.