Scontro di cavallerie – A la Guerre…

Scontro di cavallerie

Prendiamo spunto da un quesito posto da alcuni giocatori fiorentini per realizzare un nuovo tutorial per ¡¡No queda sino batirnos!!, versione 2.1!, la versione per il XVII secolo del regolamento A la Guerre…

Il tutorial è ambientato a Rocroi nel 1643, sull’ala sinistra francese (destra spagnola).

Situazione iniziale

Nella figura che segue è mostrata la situazione iniziale. Il giocatore francese ha assegnato un ordine di priorità 6 al generale de la Ferté mentre il suo avversario un ordine di priorità 5 al generale Isenburg, l’iniziativa è francese. Accanto a ogni unità, almeno quelle che saranno coinvolte nello scontro, sono riportati i valori delle caratteristiche (come di consueto: morale/tiro/mischia armatura), il segnalino bianco vicino alla cavalleria spagnola schierata più a sinistra in figura indica il disordine. In trasparenza è sovrapposto al terreno un righello bianco per mostrare la distanza tra le unità nemiche più vicine.

Scontro di cavallerie: situazione iniziale

La carica francese 1

Il giocatore francese ha diritto a manovrare per primo perché ha un ordine con priorità più alta (cfr. 5.1 Ordine di movimento a pagina 29 del regolamento) e decide di caricare con l’unità di corazzieri che si trova in prima linea sulla destra. Per caricare deve eseguire un test del morale per cui tira 1d6 ottenendo un punteggio pari a 2 a cui somma il valore di morale dell’unità (+1) e il bonus per il supporto posteriore (+2), il totale pari a 5 permette la carica e i corazzieri avanzano di 1um: l’inizio della carica (cfr. 6.2 Procedure per la carica a pagina 43 del regolamento). In figura è mostrata la situazione dopo l’inizio della carica dell’unità francese e in azzurro dadi e modificatori per il test del morale.

Scontro di cavallerie: la carica francese 1

A questo punto la base di corazzieri spagnoli, minacciata dalla carica nemica, deve eseguire a propria volta il test del morale, test che viene risolto aggiungendo al punteggio del dado il morale dell’unità (+1) e un malus dovuto al disordine (-1). Il giocatore che la controlla tira 1d6 ottenendo 6 che gli consente di superare il test del morale (cfr. 10.2.1 Procedure per il test del morale a pagina 68 del regolamento) e decide di controcaricare il nemico, a questo punto le due unità sono spostate in linea retta fino a incontrarsi a metà strada. Nessuna delle due unità coinvolte nella carica ha la possibilità di tirare e quindi non si ha in tiro in carica (cfr. 6.3 Tiro in carica a pagina 45 del regolamento).

Nella figura che segue è mostrata la situazione dopo la carica e controcarica e in giallo il dado e i modificatori al test del morale dei corazzieri spagnoli.

Scontro di cavallerie: controcarica spagnola 1

La carica francese 2

Il giocatore francese completa la manovra caricando anche con la seconda unità di corazzieri in prima linea (indicata con B in figura) e successivamente sposta in avanti la brigata di cavalleria pesante che si trova in seconda linea per dare ancora supporto posteriore ai corazzieri impegnati in mischia, mossa prudente che potrebbe tornare utile se i corazzieri fossero malauguratamente sconfitti nella mischia successiva e costretti quindi al test del morale.

Ci sono tre aspetti da sottolineare nella carica in questo caso:

  • il test del morale prima della carica è superato automaticamente in quanto al morale dell’unità che carica (+1) si aggiunge il bonus per la carica su una mischia già in corso (+3) per cui il test è già un successo visto che l’unità si carica se ottiene un punteggio modificato di quattro o più;
  • la base francese sfrutta la possibilità di ruotare all’inizio del movimento di carica in modo da raggiungere, con il successivo movimento rettilineo, i corazzieri spagnoli;
  • a loro volta i corazzieri spagnoli (C)non eseguono il test del morale in quanto già impegnati in mischia.

Completato il movimento delle unità francesi è la volta del giocatore spagnolo che decide di caricare con la seconda base (D). Anche in questo caso il test è superato in modo automatico, per lo stesso motivo del precedente, e anche in questo caso la cavaleria sfrutta la possibilità di ruotare all’inizio del movimento di carica. Nella figura che segue è riportata la situazione alla fine della fase di manovra.

Scontro di cavallerie: la carica francese 2

Separare i combattimenti

Come riportato dal regolamento … ogni mischia deve avere un’unità da una parte che combatte con una o più unità nemiche, ed ogni unità combatte in mischia con ciascuna unità con cui è a contatto … e quindi, prima di risolvere le mischie si devono separare i combattimenti (cfr. 9.3 Separare i combattimenti a pagina 61 del regolamento).

Iniziamo dalla base francese B: è a contatto solo con la base nemica C con la quale quindi combatterà. La base spagnola D, a sua volta, è a contatto solo con la cavalleria francese A e di conseguenza l’altro combattimento è proprio A contro D. In questo modo la mischia è stata scomposta in combattimenti in cui c’è un’unità contro una o più unità avversarie, come richiesto dal regolamento. I combattimenti saranno risolti nell’ordine scelto dal giocatore con l’iniziativa, il francese in questo caso.

Conclusioni

L’ordine con cui risolvere i combattimenti in questo caso non è del tutto ininfluente. Al giocatore francese conviene combattere prima la mischia tra B e C nella speranza di costringere i corazzieri spagnoli a ripiegare o, peggio, alla rotta e sfruttare l’inerzia del combattimento per avanzare con la base B fino a portarsi sul fianco della base avversaria D per sfruttare la situazione nell’impulso successivo pr caricare ancora o anche solo per costringere la base nemica a una situazione poco favorevole nel caso di test el morale.

Chiariamo meglio questo passaggio. Nella figura che segue è mostrata la situazione dopo aver risolto entrambi i combattimenti e aver quindi concluso l’impulso:

  • la base C di cavalleria spagnola ha perso la mischia, è diventata scossa ed è stata costretta al test del morale nel tentativo di ripiegare, fallito il test è andata in rotta (questa unità non è mostrata in figura perché non essenziale per il nostro esempio);
  • l’altra base di cavalleria spagnola (D) ha perso la mischia, senza subire perdite, ed è quindi ora disordinata come indicato dal segnalino bianco (cfr. 9.1 Procedure per le mischie a pagina 59 del regolamento).

Scontro di cavallerie: conclusioni

A questo punto siamo nel secondo impulso dello stesso turno. Il giocatore francese ha due scelte, entrambe favorevoli:

  • può decidere di caricare i corazzieri spagnoli senza nemmeno eseguire il test del morale avvantaggiandosi del bonus per la carica su una mischia già in corso (+3) offrendo però così il fianco a eventuali altre unità spagnole;
  • ma può anche rimanere in posizione perché, trovandosi sul fianco della base nemica, nel caso questa fosse ancora sconfitta in mischia e quindi costretta al test del morale, le imporrà un malus dovuto alla presenza di unità nemiche a distanza di carica sul fianco (-2).