Malplaquet 1709

11 settembre 1709

L’invasione della Francia è fermata a Malplaquet

Scarica le liste per a Guerra di Successione Spagnola e lo scenario in formato PDF. Scenari collegati: …

L’esercito della Grande Alleanza, dopo il vittorioso assedio di Tournai, avanza in territorio francese puntando direttamente alla capitale. Un’armata francese, numericamente inferiore ma schierata su una forte posizione difensiva, cerca di sbarrare la strada all’invasore. Ne scaturirà una delle più sanguinose battaglie del secolo con oltre trentamila morti e feriti di ambo le parti.

Malplaquet 1709

Legenda

Truppe
Fanteria di linea Granatieri Artiglieria Dragoni Fanteria leggera
Fanteria Granatieri Artiglieria Dragoni Fanteria leggera
Fanteria della guardia Picchieri Corazzieri Cavalleria pesante
Guardia Picchieri Corazzieri Cavalleria pesante
Traini o carriaggi Cavalleria della Guardia Cavalleria leggera
Traini o carriaggi Cavalleria della Guardia Cavalleria leggera
Nazionalità
Fanteria di linea Baviera Austria
Francia Baviera Austria
Hannover brln Assia-Kassel
Hannover Inghilterra Assia-Kassel

Nella mappa ogni settore/quadrato misura 20cm nella scala 6mm o 10mm, 27cm nella scala 15mm (in questa scala si può arrotondare a 30cm la dimensione del quadrante), 40cm nella scala 20mm(1/72) e 25/28mm. Ogni unità sulla mappa rappresenta un reggimento di fanteria o di cavalleria. Le unità di artiglieria sono batterie di otto cannoni (a meno che non sia specificato diversamente).

Note

I corsi d’acqua più grandi sono ostacoli di livello 1, gli altri ostacoli di livello 0. Tutti i pendii sono normali. I boschi hanno vdf1 a eccezione della fascia più vicina al lato occidentale del tavolo del bosco di Laguere che è fitto e ha vdf2 (questa fascia si estende per 4um a partire dal bordo del tavolo).

Tutti gli edifici hanno vdf1 e possono essere occupati da una base di fanteria e/o una batteria di artiglieria. Fa eccezione la ferme la Follie (settore I4-I5), il moulin de Clou(settore E1) e ferme Louviere (settore I6), che possono essere occupata da una base di fanteria o una batteria di artiglieria.

Le linee di comunicazione dell’armata francese vanno verso Valenciennes ed escono dal tavolo nei settori da E6 a J6. Le linee di comunicazione dell’esercito della Grande Alleanza sono in direzione di Mons ed escono dal tavolo nei settori da E1 a J1. Il corpo indipendente di Withers ha anch’esso le linee di comunicazione che vanno verso Monsma escono dal tavolo nei settori J3 e J4.

Regole speciali

Schieramento iniziale

I giocatori possono schierare le truppe in seconda linea in colonna (ciò consentirebbe di utilizzare, se necessario, il movimento tattico nei primi turni della partita). Allo stesso modo i giocatori possono schierare al traino le batterie di artiglieria in seconda linea.

Protagonisti

Eugenio di Savoia-Carignano Marlborough Claude Louis Hector de Villars principe di Martigues
Eugenio di Savoia-Carignano
(18.10.1663 – 21.04.1736)
John Churchill duca di Malborough
(26.05.1650 – 16.06.1722)
Claude Louis Hector de Villars principe di Martigues
(Moulins 08.05.1653 – Torino 17.06.1734)

Esercito francese

 

69.800 uomini: 65.000 fanti e 10.800 cavalieri, 60 cannoni

  • Esercito francese: de Villars +1 8um 13d6 [49]
    • FrMdArt 1/3/- – FrMdArt 1/3/- – FrMdArt 1/3/-
    • de Boufflers -1 6um centro, prima linea
      • FrLn 3/1/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Albergotti (rgt. Royal, Boulonnais, Royal-Italienne)
      • FrLn 3/1/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. de Beuil (rgt. Bourgogne, Piemont)
      • FrLn 2/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 (rgt. Bourbonnais, Lorraine, Touraine, Chateuneuf)
    • Montbazon 0 8um centro, seconda linea
      • FrLn 3/1/1 – FrLn 2/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Mercy, Mouchy (rgt. Gardes de Cologne, Gardes de Baviere, Navarre, Nice)
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Remiancourt, du Mortemart (rgt. La Fere, Monroux, Agenois, Mortemart, La Marke)
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. de Sebret (rgt. Perche, Foix, Santerre)
    • Brendle 0 8um centro, riserva
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Brendle (rgt. Brendle)
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. May, de Roll (rgt. May, Greder)
    • de la Valliere 0 8um centro, cavalleria
      • FrCav 2/-1/2 – FrCav 3/-1/2 – FrCav 3/-1/2 Maison du Roi
      • FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 (rgt. Royal Pi(rgt. Royal Pi(rgt. Royal Piemont, St. Again, La Tremouille, Royal Allemande, Druhot, Rottemburg, Le Dauphin, Courcillon, Marteville, Cherisy, Dalezeau, Choisseul, Royal Roussillon, Commissaire General, Marsillac)
    • Albergotti +1 8um ala sinistra
      • FrHvArt 1/3/- – FrLtArt 1/2/-
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Montandre (rgt. Bearn, La Reine)
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 II linea bgd. Arling (rgt. Chartres, Poitou, Guyenne)
      • de Puységur 0 8um terza linea
        • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Mouy (rgt. Luxembourg, Greder, Gondrin)
        • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Nangis, Croy (rgt. Tourville, Petrin, Croy)
      • de Guich 0 8um estrema ala sinistra
        • FrHvArt 1/3/- – FrMdArt 1/3/-
        • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Charost (rgt. Charost, Sparre)
        • FrLn 3/1/1 – FrLn 2/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Dangenne (rgt. La Marine, Boufflers, La Sarre)
      • Goesbriand 0 8um bois du Laisniere
        • FrLtArt 1/2/-
        • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Goesbriand (rgt. Provence, Bretagne)
        • FrLn 2/0/1 – FrLn 2/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. du Barail (rgt. Santogne, le Roi)
      • du Rosel 0 8um cavalleria
        • FrLtArt 1/2/-
        • FrCav 2/-1/2 – FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 (rgt. Carabiners, Gardes de Espagne, Gardes de Baviere, Nugent, Royal Etranger, Villeroi, Esclainvilliers, Beringhen, Toulouse, Melun, du Palais, Charters, Flandre, La Tour, Lenoncourt, Auberre)
        • FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 – BvCur 1/-2/2 (rgt. Orlean, Villepreux, Hendicourt, Lambesc, Maine, Gesvres, Bourbon, Conde, d’Estagnols, Joyeuse, Tarente, Braretin, Biron, Mestre-du-camp general, Livry, Frezin)
        • FrDr 1/-2/1 (1/0/0 Sk/Ln) – FrDr 1/-2/1 (1/0/0 Sk/Ln) (rgt. La Reine, Rohan, Bonnelle, Despinay, St. Cernin, Conflans, Vasse, Colonel General, Listenoy, Balabre)
    • de Contades 0 8um ala destra
      • FrMdArt 1/3/- – FrLtArt 1/2/-
      • d’Artagnan 0 8um prima linea
        • FrLn 3/1/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Seignelay (rgt. Champagne, Louvigny, Isenghien)
        • FrLn 2/0/1 – FrLn 2/0/1 bgd. O’Brien (rgt. Lee, Dorrington, O’Donnel, O’Brien, Galmoy)
        • FrGd 2/1/1 – FrGd 2/1/1 – FrGd 2/1/1 bgd. Houel (rgt. Gardes Francais, Gardes Suisse)
      • Gaisson -1 6um seconda linea
        • FrLn 3/1/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Montbazon (rgt. Deslandes, Royal Roussillon, Picardie)
        • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Steckenberg (rgt. Alsace, Lannoy)
      • de Broglie 0 8um cavalleria
        • FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 (rgt. Colonel General, La Reine, St. Pouanges, Melun, Simiane, Villier, Belacueil, Maisontiers, St. Phal, Marteville, Clermont, Cayeux, Caubois, Villequier, Brabant, d’Autanne, de Roye, Bellefond, Les Cravates, Cany)
        • FrDr 1/-2/1 (1/0/0 Sk/Ln) – SpDr 0/-2/1 (0/-1/0) (rgt. Chassonville, Nautaff, St. Chamans, Le Roi, Verac, Granville, Acquaviva, Pignatelli, Melun, Pasteur)

Armata francese

Esercito della Grande Alleanza

  • Esercito della Grande Alleanza: Marlborough +2 10um 9d6 [34]
    • BrMdArt 1/3/- – BrMdArt 1/3/- – BrMdArt 1/3/-
    • Orkney 0 8um centro
      • BrLn 2/1/0 – BrLn 1/1/0 – BrLn 1/1/0 bgd North&Grey (rgt. Orrery, Sabine, Orkney, North&Gray, Meredith)
      • BrGd 2/1/1 – BrLn 2/1/0 – HwLn 1/1/0 bgd Primerose, Finck (rgt.Orkney, Foot Guards, Dohna, Donhoff)
    • Federico di Assia-Kassel -1 6um seconda linea
      • HeCav 2/-/2 – HeCav 1/-/2 – HeDr 1/-2/1 (1/-1/0)
      • BrCav 2/-/2 – BrCav 1/-/2 – BrCav 1/-/2
      • BrCav 1/-/2 – BrDr 1/-2/1 (1/-1/0) – BrDr 1/-2/1 (1/-1/0)
    • Orange +1 8um ala sinistra
      • HdMdArt 1/3/- – HdMdArt 1/3/- – HdLtArt 1/3/-
      • Oxenstiern 0 8um prima linea
        • HdLn 2/1/0 – HdLn 1/1/0 – HdLn 1/1/0 bgd de Chambrier, Berkloffer, d’Abadie (rgt. Orange-Friesland, Southelande, van de Beek, Heuckelom, Ivoy, van Welderen)
        • HdLn 1/1/0 – HdLn 1/1/0 – HdLn 1/1/0 bgd van Hompesh, van Rechteren, van der Malsburgh, van Welderen, van Hunigen (rgt. Sturler, van Heyde, Nassau-Woundenberg, van Huffel, Vegelin, Schmidt, May)
      • Spaar 0 8um seconda linea
        • HdGd 2/1/0 – HdLn 1/1/0 – HdLn 1/1/0 bgd van Sturler, van Steijn Callenfel (rgt. Gardes to Voet, Fournier, Rechteren, Dohna, Berkhoffer)
        • HdLn 2/1/0 – HdLn 1/1/0 – HdLn 1/1/0 bgd von Cromstrom, Morton (rgt. Mestral, Keppel, Oxenstriern, Hepburn, Tullibardine, van Pallandt)
        • HdDr 1/-2/1 (1/-1/0) – HdDr 1/-2/1 (1/-1/0)
    • Eugenio +2 10um ala destra
      • Schulenburg +1 8um ala destra
        • AsMdArt 1/3/- – AsLtArt 1/2/- – AsLtArt 1/2/-
        • AsGn 2/0/1 – AsLn 1/0/1 – AsLt 1/1/0 sk/ln (rgt. Thungen, Baden, Elberfeld, Jabanach, Caris)
        • DkGd 2/0/1 – AsLn 1/0/1 (rgt. Hemelis, Wilke, Sponeck, Garde du Corp)
        • AsLn 1/0/1 – AsLn 1/0/1 – AsLn 1/0/1 (rgt. Thungen, Lubeck, Iselbach, Wolfenbuttle, Castel, Herman, Exter, Baumbach, Furstenberg, Kurprinz, Pretorius, Bielke)
        • AsLn 1/0/1 – AsLn 1/0/1
      • Lottom +1 8um ala sinistra
        • HeMdArt 1/3/- – HeLtArt 1/2/- – HwLtArt 1/2/-
        • PrGd 2/0/1 – PrGd 2/0/1 – HwLn 1/1/0 bgd. Tettau, Breuil (rgt. Kroonprinz, Lottum, Prinz Albert)
          HeLn 1/1/0 – HwLn 1/1/0 bgd. Grumbkou, du Troussel (rgt. Prinz, Anhalt-Zerbast, du Troussel, Lottum, Breuil, Lescour, de Leur)
        • BrLn 1/1/0 – BrLn 1/1/0 – BrLn 1/1/0 bgd. Argyles, Webb (rgt. Godfrey, Temple, Evans, Argyle, Ingoldsby, Lallo, Primrose, Webb)
      • Wurttenberg 0 8um cavalleria
        • HeMdArt 1/3/- – HeLtArt 1/2/- – HwLtArt 1/2/-
        • AsCur 1/-/2 – AsCur 1/-/2 – AsDr 1/-2/1 (1/-1/0) (rgt. Palfrey, Mercy, Westerloo, Velen, Fels, Wittgenstein, Miklau, Speigel, Boineburg, Auroch, Colonitz, Spleny)
        • AsCur 1/-/2 – AsCur 1/-/2 – AsLC 0/-1/0 sk/ln (rgt. Cheuse, Schmettau, Jahl, Wurttenberg, Haen, Hatzfeld, Venningen, Lieb, Reyssing, Falkenstein, Helmstadt)
Esercito della Grande Alleanza: contingente da Mons

11.400 uomini: 9.000 fanti e 2.100 cavalieri, 6 cannoni

  • Withers +1 8um 4d6 Contingente da Mons (corpo indipendente)
    • BrLtArt 1/3/-
    • BrLn 1/1/0 – BrLn 1/1/0 bgd Temple (rgt. Prendergast, Preston, Howe, Earle)
    • HwLn 1/1/0 – HwLn 1/1/0 bgd Brock (rgtbgd Brock (rgt. Wartesleben, Haxtausen, Leib, Grumbcow)
    • Hohendorf 0 8um seconda linea
      • HwLn 1/1/0 – HwLn 1/1/0 bgd Brock (rgt. Diepenbroick, Lescour, Prinz George)
      • HwLn 1/1/0 – HwLn 1/1/0 – HwLn 1/1/0 bbgd Hohendorf (rgt. Fechenbach, Duren, Schwerin, Coseritz, Reck, Weissenfels)
    • Miklau 0 8um cavalleria
      • HwCav 1/-/2 – HwCav 1/-/2 – BrDr 1/-2/1 (1/-1/0)

Esercito della Grande alleanza

Scenario multigiocatore

Lo scenario che segue è pensato per una partita multi giocatore (tre o più giocatori per parte). Le due armate sono pensate come tre corpi indipendenti dal punto di vista del regolamento. La mappa è la stessa mostrata in precedenza, così anche per le relative note ad eccezione di quanto riportato qui di seguito.

Note:

Le linee di comunicazione dell’armata francese: per il corpo di de Contades verso Valenciennes ed escono dal tavolo nei settori da B6-C6; per il centro, comandato da de Villars, sempre verso Valenciennes ma escono dal tavolo nei settori D6, F6 e G6; infine per l’ala sinistra, Albergotti, ancora verso Valenciennes ma escono dai settori G6, H6 e J6.

Le linee di comunicazione dell’esercito della Grande Alleanza: per il corpo indipendente di Withers vanno verso Mons ed escono dal tavolo nei settori J3 e J4; per l’ala destra, principe Eugenio, verso Mons, settori da E1 a G1; per il centro, duca di Marlborough, ancora verso Mons, settori da A1 a C1.

Esercito francese
  • Ala sinistra: Albergotti +1 8um 6d6 [21] (26.700 uomini: 21.000 fanti e 4.200 cavalieri, 30 cannoni)
    • FrHvArt 1/3/- – FrLtArt 1/2/-
    • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Montandre (rgt. Bearn, La Reine)
    • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 II linea bgd. Arling (rgt. Chartres, Poitou, Guyenne)
    • de Puységur 0 8um terza linea
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Mouy (rgt. Luxembourg, Greder, Gondrin)
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Nangis, Croy (rgt. Tourville, Petrin, Croy)
    • de Guich 0 8um estrema ala sinistra
      • FrHvArt 1/3/- – FrMdArt 1/3/-
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Charost (rgt. Charost, Sparre)
      • FrLn 3/1/1 – FrLn 2/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Dangenne (rgt. La Marine, Boufflers, La Sarre)
    • Goesbriand 0 8um bois du Laisniere
      • FrLtArt 1/2/-
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Goesbriand (rgt. Provence, Bretagne)
      • FrLn 2/0/1 – FrLn 2/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. du Barail (rgt. Santogne, le Roi)
    • du Rosel 0 8um cavalleria
      • FrLtArt 1/2/-
      • FrCav 2/-1/2 – FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 (rgt. Carabiners, Gardes de Espagne, Gardes de Baviere, Nugent, Royal Etranger, Villeroi, Esclainvilliers, Beringhen, Toulouse, Melun, du Palais, Charters, Flandre, La Tour, Lenoncourt, Auberre)
      • FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 – BvCur 1/-2/2 (rgt. Orlean, Villepreux, Hendicourt, Lambesc, Maine, Gesvres, Bourbon, Conde, d’Estagnols, Joyeuse, Tarente, Braretin, Biron, Mestre-du-camp general, Livry, Frezin)
      • FrDr 1/-2/1 (1/0/0 Sk/Ln) – FrDr 1/-2/1 (1/0/0 Sk/Ln) (rgt. La Reine, Rohan, Bonnelle, Despinay, St. Cernin, Conflans, Vasse, Colonel General, Listenoy, Balabre)

Esercito francese: ala sinistra

  • Centro: de Villars +1 8um 6d6 [22] (27.500 uomini: 23.000 fanti, 3600 cavalieri, 18 cannoni da campo)
    • FrMdArt 1/3/- – FrMdArt 1/3/- – FrMdArt 1/3/-
    • de Boufflers -1 6um centro, prima linea
      • FrLn 3/1/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Albergotti (rgt. Royal, Boulonnais, Royal-Italienne)
      • FrLn 3/1/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. de Beuil (rgt. Bourgogne, Piemont)
      • FrLn 2/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 (rgt. Bourbonnais, Lorraine, Touraine, Chateuneuf)
    • Montbazon 0 8um centro, seconda linea
      • FrLn 3/1/1 – FrLn 2/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Mercy, Mouchy (rgt. Gardes de Cologne, Gardes de Baviere, Navarre, Nice)
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Remiancourt, du Mortemart (rgt. La Fere, Monroux, Agenois, Mortemart, La Marke)
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. de Sebret (rgt. Perche, Foix, Santerre)
    • Brendle 0 8um centro, riserva
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Brendle (rgt. Brendle)
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. May, de Roll (rgt. May, Greder)
    • de la Valliere 0 8um centro, cavalleria
      • FrCav 2/-1/2 – FrCav 3/-1/2 – FrCav 3/-1/2 Maison du Roi
      • FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 (rgt. Royal Pi(rgt. Royal Pi(rgt. Royal Piemont, St. Again, La Tremouille, Royal Allemande, Druhot, Rottemburg, Le Dauphin, Courcillon, Marteville, Cherisy, Dalezeau, Choisseul, Royal Roussillon, Commissaire General, Marsillac)

Esercito francese: centro

  • Ala destra: de Contades 0 8um 3d6 [12] (15.600 uomini: 12.000 fanti e 3.000 cavalieri, 12 cannoni)
    • FrMdArt 1/3/- – FrLtArt 1/2/-
    • d’Artagnan 0 8um prima linea
      • FrLn 3/1/1 – FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Seignelay (rgt. Champagne, Louvigny, Isenghien)
      • FrLn 2/0/1 – FrLn 2/0/1 bgd. O’Brien (rgt. Lee, Dorrington, O’Donnel, O’Brien, Galmoy)
      • FrGd 2/1/1 – FrGd 2/1/1 – FrGd 2/1/1 bgd. Houel (rgt. Gardes Francais, Gardes Suisse)
    • Gaisson -1 6um seconda linea
      • FrLn 3/1/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Montbazon (rgt. Deslandes, Royal Roussillon, Picardie)
      • FrLn 1/0/1 – FrLn 1/0/1 bgd. Steckenberg (rgt. Alsace, Lannoy)
    • de Broglie 0 8um cavalleria
      • FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 – FrCav 1/-2/1 (rgt. Colonel General, La Reine, St. Pouanges, Melun, Simiane, Villier, Belacueil, Maisontiers, St. Phal, Marteville, Clermont, Cayeux, Caubois, Villequier, Brabant, d’Autanne, de Roye, Bellefond, Les Cravates, Cany)
      • FrDr 1/-2/1 (1/0/0 Sk/Ln) – SpDr 0/-2/1 (0/-1/0) (rgt. Chassonville, Nautaff, St. Chamans, Le Roi, Verac, Granville, Acquaviva, Pignatelli, Melun, Pasteur)

Esercito francese: ala destra

Esercito della Grande alleanza
  • Contingente da Mons: Withers +1 8um 4d6 [7] (11.400 uomini: 9.000 fanti e 2.100 cavalieri, 6 cannoni)
    • BrLtArt 1/3/-
    • BrLn 1/1/0 – BrLn 1/1/0 bgd Temple (rgt. Prendergast, Preston, Howe, Earle)
    • HwLn 1/1/0 – HwLn 1/1/0 bgd Brock (rgtbgd Brock (rgt. Wartesleben, Haxtausen, Leib, Grumbcow)
    • Hohendorf 0 8um seconda linea
      • HwLn 1/1/0 – HwLn 1/1/0 bgd Brock (rgt. Diepenbroick, Lescour, Prinz George)
      • HwLn 1/1/0 – HwLn 1/1/0 – HwLn 1/1/0 bbgd Hohendorf (rgt. Fechenbach, Duren, Schwerin, Coseritz, Reck, Weissenfels)
    • Miklau 0 8um cavalleria
      • HwCav 1/-/2 – HwCav 1/-/2 – BrDr 1/-2/1 (1/-1/0)

Esercito della Grande alleanza: contingente da Mons

  • Ala destra: Eugenio +2 10um 5d6 [15] (35.200 uomini: 32.000 fanti e 1.400 cavalieri, 36 cannoni)
    • Schulenburg +1 8um ala destra
      • AsMdArt 1/3/- – AsLtArt 1/2/- – AsLtArt 1/2/-
      • AsGn 2/0/1 – AsLn 1/0/1 – AsLt 1/1/0 sk/ln (rgt. Thungen, Baden, Elberfeld, Jabanach, Caris)
      • DkGd 2/0/1 – AsLn 1/0/1 (rgt. Hemelis, Wilke, Sponeck, Garde du Corp)
      • AsLn 1/0/1 – AsLn 1/0/1 – AsLn 1/0/1 (rgt. Thungen, Lubeck, Iselbach, Wolfenbuttle, Castel, Herman, Exter, Baumbach, Furstenberg, Kurprinz, Pretorius, Bielke)
      • AsLn 1/0/1 – AsLn 1/0/1
    • Lottom +1 8um ala sinistra
      • HeMdArt 1/3/- – HeLtArt 1/2/- – HwLtArt 1/2/-
      • PrGd 2/0/1 – PrGd 2/0/1 – HwLn 1/1/0 bgd. Tettau, Breuil (rgt. Kroonprinz, Lottum, Prinz Albert)
      • HeLn 1/1/0 – HwLn 1/1/0 bgd. Grumbkou, du Troussel (rgt. Prinz, Anhalt-Zerbast, du Troussel, Lottum, Breuil, Lescour, de Leur)
      • BrLn 1/1/0 – BrLn 1/1/0 – BrLn 1/1/0 bgd. Argyles, Webb (rgt. Godfrey, Temple, Evans, Argyle, Ingoldsby, Lallo, Primrose, Webb)
    • Wurttenberg 0 8um cavalleria
      • HeMdArt 1/3/- – HeLtArt 1/2/- – HwLtArt 1/2/-
      • AsCur 1/-/2 – AsCur 1/-/2 – AsDr 1/-2/1 (1/-1/0) (rgt. Palfrey, Mercy, Westerloo, Velen, Fels, Wittgenstein, Miklau, Speigel, Boineburg, Auroch, Colonitz, Spleny)
      • AsCur 1/-/2 – AsCur 1/-/2 – AsLC 0/-1/0 sk/ln (rgt. Cheuse, Schmettau, Jahl, Wurttenberg, Haen, Hatzfeld, Venningen, Lieb, Reyssing, Falkenstein, Helmstadt)

Esercito della Grande alleanza: ala destra

  • Centro: Marlborough +2 10um 6d6 [21](27.500 uomini: 18.000 fanti, 7.700 cavalieri, 36 cannoni)
    • BrMdArt 1/3/- – BrMdArt 1/3/- – BrMdArt 1/3/-
    • Orkney 0 8um centro
      • BrLn 2/1/0 – BrLn 1/1/0 – BrLn 1/1/0 bgd North&Grey (rgt. Orrery, Sabine, Orkney, North&Gray, Meredith)
      • BrGd 2/1/1 – BrLn 2/1/0 – HwLn 1/1/0 bgd Primerose, Finck (rgt.Orkney, Foot Guards, Dohna, Donhoff)
    • Federico di Assia-Kassel -1 6um seconda linea
      • HeCav 2/-/2 – HeCav 1/-/2 – HeDr 1/-2/1 (1/-1/0)
      • BrCav 2/-/2 – BrCav 1/-/2 – BrCav 1/-/2
      • BrCav 1/-/2 – BrDr 1/-2/1 (1/-1/0) – BrDr 1/-2/1 (1/-1/0)
    • Orange +1 8um ala sinistra
      • HdMdArt 1/3/- – HdMdArt 1/3/- – HdLtArt 1/3/-
      • Oxenstiern 0 8um prima linea
        • HdLn 2/1/0 – HdLn 1/1/0 – HdLn 1/1/0 bgd de Chambrier, Berkloffer, d’Abadie (rgt. Orange-Friesland, Southelande, van de Beek, Heuckelom, Ivoy, van Welderen)
        • HdLn 1/1/0 – HdLn 1/1/0 – HdLn 1/1/0 bgd van Hompesh, van Rechteren, van der Malsburgh, van Welderen, van Hunigen (rgt. Sturler, van Heyde, Nassau-Woundenberg, van Huffel, Vegelin, Schmidt, May)
      • Spaar 0 8um seconda linea
        • HdGd 2/1/0 – HdLn 1/1/0 – HdLn 1/1/0 bgd van Sturler, van Steijn Callenfel (rgt. Gardes to Voet, Fournier, Rechteren, Dohna, Berkhoffer)
        • HdLn 2/1/0 – HdLn 1/1/0 – HdLn 1/1/0 bgd von Cromstrom, Morton (rgt. Mestral, Keppel, Oxenstriern, Hepburn, Tullibardine, van Pallandt)
        • HdDr 1/-2/1 (1/-1/0) – HdDr 1/-2/1 (1/-1/0)

Esercito della Grande alleanza: centro

La storia

Nella primavera del 1709 le nazioni in guerra avevano intavolato trattative per por fine al conflitto. Trattative che, dopo essersi stancamente trascinate per tutta l’estate, si erano definitivamente interrotte senza che si fosse raggiunto un accordo. Ma la situazione della Francia era tutt’altro che rosea: l’inverno appena trascorso e la terribile campagna militare dell’anno precedente avevano profondamente colpito le possibilità economiche del paese e le armate di re Luigi erano a corto di tutto: uomini, vestiario, armi, munizioni e persino cibo. Tutta la Francia, però, si profuse in un incredibile sforzo patriottico e l’intero paese contribuì alla ricostruzione di un esercito capace di difendere il paese, l’ultimo probabilmente che la nazione, provata da anni di sforzo bellico, potesse mettere in campo. Malgrado il miracoloso sacrificio del popolo francese i reggimenti rimasero pericolosamente sotto organico e quindi si decise per una strategia difensiva organizzando una linea difensiva che andasse da Douai el fiume Lys.

L’esercito della Grande Alleanza, ancora una volta guidato da due grandi condottieri quali il duca di Marlborough e il principe Eugenio, si mosse alla metà di giugno verso la città francese di Tournai che, investita il 27 dello stesso mese, resistette fin quasi all’autunno, capitolando solo il 3 di settembre. Presa la città gli alleati si mossero verso Mons mentre, nello stesso tempo, i francesi si schieravano su una forte posizione difensiva nei pressi di Malplaquet, poco a sud di Mons. Sia de Villars, che comandava l’armata francese, che Marlborough ed Eugenio confidavano nella vittoria e desideravano la battaglia che avrebbe definitivamente annientato il nemico. La battaglia era vicina!

Le fortificazioni francesi correvano praticamente da un lato all’altro del campo di battaglia poggiando le ali su boschi e alture difficilmente transitabili. Il piano alleato, davanti a questo impressionante schieramento difensivo, era quello di attaccare vigorosamente le ali, costringendo il comandante francese a sottrarre truppe dalla riserva per aiutare la difesa, e poi concentrare un violento attacco al centro ormai privo di sostegno.

L’attacco alleato iniziò all’incirca alle 8.30 quando le lunghe linee di fanteria iniziarono ad avvicinarsi al bosco di Laisniere e a quello di Sart, accolte ben presto da un devastante fuoco che proruppe dalle fanterie e artiglierie nemiche asserragliate tra gli alberi. Salva dopo salva le armi francesi aprirono ampi varchi tra le file degli attaccanti provocando scompiglio tra i battaglioni imperiali e tedeschi che stavano avanzando. Nello stesso momento le truppe di Withres, molto a occidente rispetto all’ala destra dello schieramento principale alleato, stavano avanzando attraverso il bosco senza incontrare resistenza.

Mezz’ora più tardi anche le truppe olandesi del principe d’Orange iniziarono a muovere verso le ridotte francesi difese dagli uomini del generale d’Artagnan, a loro volta accolte da uno spaventoso fuoco di sbarramento che in pochi minuti provocò terribili perdite tra le fila degli attaccanti, fino a 5.000 uomini in meno di mezzora, tra i quali il generale Oxenstiern che guidava le fanterie olandesi. i reggimenti francesi in prima linea oltrepassarono le proprie fortificazioni con l’intento di distruggere completamente il contingente olandese ma una provvidenziale carica della cavalleria alleata provocò ingenti perdite tra i fanti francesi costringendoli a ripiegare di nuovo sulle posizioni di partenza.

La situazione per gli alleati era migliore al centro dove il generale Lottum, a prezzo di immani sacrifici dei suoi uomini, aveva rotto la linea di fortificazioni costringendo la fanteria francese a ripiegare formando una nuova linea difensiva più indietro all’interno del bosco. de Villars, dopo aver meditato un contrattacco, decise di cedere terreno in cambio di tempo ma, per far questo, fu costretto ad attingere alle proprie riserve schierate nelle retrovie, proprio come gli strateghi alleati avevano sperato. I combattimenti proseguirono all’interno del bosco in un feroce crescendo e, soverchiati dal numero, i francesi dovettero cedere via via sempre più terreno all’impeto del nemico e de Villars decise di formare una seconda linea di difesa a sud-ovest della precedente nel caso gli alleati fossero riusciti a impadronirsi completamente del bosco. Per far questo il generale francese attinse ancora alle proprie riserve che personalmente guidò verso il fronte esponendosi al fuoco nemico e procurandosi una grave ferita che lo costrinse a lasciare il comando al generale de Boufflers mentre anche Albergotti, che comandava le truppe francesi in quel settore, fu ferito gravemente e costretto, anche lui, a passare le consegne al generale de PuySégur.

All’estrema sinistra francese, nel frattempo, si materializzava infine la minaccia di Withers che piombava con la sua cavalleria sulle riserve francesi in marcia disordinandole ma il generale Miklau, che comandava la cavalleria di Withers, per troppa irruenza espose il fianco dei suoi squadroni al contrattacco della cavalleria di du Rosel che fece strage dei cavalieri britannici e tedeschi cancellando praticamente dal campo i reggimenti di Miklau!

Al centro, era ormai passata l’una, la cavalleria alleata iniziò a schierarsi per l’assalto definitivo alle linee francesi indebolite dal continuo salasso di truppe necessarie ai combattimenti nel bosco. L’attacco della cavalleria olandese del generale Auvergne fu prontamente contenuto dalla Maison du Roi che successivamente controcaricò con veemenza costringendo alla fuga il nemico, fermata solamente dal fuoco della grande batteria che dominava il centro dello schieramento alleato. Ondata dopo ondata la cavalleria alleata si lanciò contro le posizioni francesi, ogni volta contrastata dalla controparte francese con grandi dimostrazioni di eroismo e coraggio da una parte e dall’altra ma anche con perdite sempre più pesanti che stavano logorando i due contendenti.

In un ultimo sforzo il principe Eugenio gettò nella mischia tutta la propria cavalleria, probabilmente 20.000 o più cavalieri di ogni regione dell’Impero, mentre dall’altra parte de Bouflers impegnava le sue ultime risorse, forse 15.000 cavalieri, in un epico scontro di cavalleria da non avere eguali nella storia. L’indomabile coraggio della cavalleria francese, che si batté per ore impedendo agli alleati di sfruttare la posizione conquistata dalla fanteria, fornì il tempo necessario alle due ali amiche per ripiegare in perfetto ordine lasciando il campo a un esercito alleato sfinito dalla stanchezza e provato dalle terribili perdite che resero del tutto impossibile un inseguimento che permettesse di sfruttare la vittoria ottenuta sul campo.

Il campo di battaglia, alle tre del pomeriggio, forniva un quadro terrificante con migliaia di corpi accatastati gli uni sugli altri da un lato all’altro del campo di battaglia mentre le urla e i gemiti di altrettanti, se non più, feriti invocavano un aiuto che nessuno era in grado di fornire. secondo alcune fonti gli alleati persero 25.000 uomini ma, più probabilmente, a questa cifra si devono aggiungere le migliaia che morirono nei giorni successivi a causa delle ferite riportate sul campo di battaglia. Terribili anche le perdite francesi, anche se più contenute, tra 10.000 e 15.000 uomini in totale.

Le atroci perdite subite dagli alleati costrinsero l’esercito alleato a ritornare sui propri passi rinunciando alla progettata invasione della Francia tanto che il duca de Villars scrisse al re che … se dovesse piacere a Dio dare ai nemici di Sua Maestà un’altra vittoria come questa sarebbero rovinati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *