Lens 1648

20 agosto 1648

Amici, vi ricordate Rocroi, Friburgo, Nördlingen? Dobbiamo vincere o morire!

Scarica le liste per le Guerra franco-spagnola (Guerra anglo-spagnola) e per la Guerra dei Trent’anni e lo scenario in formato PDF (aggiornato 15.11.15). Scenari collegati: Honnecourt 1642

Con una battaglia iniziata quasi per caso il principe di Condé arresta il tentativo di riconquistare Lens da parte dell’esercito spagnolo delle Fiandre e infligge una dura sconfitta al nemico. Dura sconfitta che, per certi versi, sembra ricalcare quella di Rocroi della primavera precedente.

La battaglia di Lens 1648

Legenda

Truppe
Fanteria di linea Granatieri Artiglieria Dragoni Fanteria leggera
Fanteria Granatieri Artiglieria Dragoni Moschettieri in ordine aperto
Fanteria della guardia Picchieri Corazzieri Cavalleria pesante
Guardia Picchieri Corazzieri Cavalleria pesante
Traini o carriaggi Cavalleria della Guardia Cavalleria leggera
Traini o carriaggi Cavalleria della Guardia Cavalleria leggera
Nazionalità
Francia Spagna
Francia Spagna

Nella mappa ogni settore/quadrato misura 20cm nella scala 6mm o 10mm, 27cm nella scala 15mm (in questa scala si può arrotondare a 30cm la dimensione del quadrante), 40cm nella scala 20mm(1/72) e 25/28mm. Ogni unità sulla mappa rappresenta un reggimento di fanteria o di cavalleria. Le unità di artiglieria sono batterie di otto cannoni (a meno che non sia specificato diversamente).

Note

Gli abitati di Grenay, Loos-en-Gohelle e di Liévin possono essere occupati da una base di fanteria e una batteria di artiglieria e hanno vdf1. I boschi hanno vdf1. Il rilievo situato nei settori E1-F2 ha i pendi normali.

Le linee di comunicazione dell’esercito francese transitano sulle strade per Mazingarbe ed escono dal tavolo nei settori Ba e C4. Le linee di comunicazione spagnole percorrono le strade verso Lens ed escono dal tavolo nel settore G1.

Alcune narrazioni della battaglia, riprese anche da Alexandre Dumas nel suo romanzo Vent’anni dopo, raccontano che gli spagnoli avevano una posizione più elevata (tanto elevata che il tiro della loro artiglieria sarebbe stato poco efficace) ma la zona compresa tra Lens, Mazingarbe, Loos e Grenay (e Vermelles) dove sarebbe stata combattuta la battaglia non presenta rilievi di questo tipo. In questa ricostruzione il terreno di battaglia è ricalcato su quanto si può osservare oggi (anche in un dipinto anonimo la battaglia è rappresentata in pianura).

Regole speciali

Non ci sono regole speciali per questo scenario.

Protagonisti

Luigi II di Borbone principe di Condé detto il Grand Condé Leopold Wilhelm d’Asburgo arciduca d’Austria
Luigi II di Borbone principe di Condé
detto il Grand Condé
(Parigi 1621 – Fontainbleau 1686)
ritratto di Justus van Egmont
Leopold Wilhelm d’Asburgo
arciduca d’Austria
(Wiener Neustadt 1614 – Vienna 1662)
ritratto di David Teniers d. J.

Armata francese

18.200 uomini: 11.000 fanti, 6.600 cavalieri e 18 cannoni da campo

La posizione di La Ferté-Seneterre è dubbia (era presente alla battaglia ma le fonti sono contraddittorie sul comando assegnatogli).

  • Armata francese: Condè +2 10um – 7d6 [17]
    • FrCav 2/-/2 a – FrCav 2/-/2 a (rgt. Garde de M. le Prince, Salbreck, Vidame, La Villette)
    • FrCav 1/-/2 a – FrCav 1/-/2 a (rgt. S.A Royal, Stref, St. Simon, Harcourt, …)
    • de Coligny +1 8um centro, prima linea
      • FrMdArt 1/1/- a – FrLtArt 1/0/- a – FrLtArt 1/0/- a
      • FrSh 1/0/-1 – (rgt. …)
      • FrPk 2/-1/2 a – FrPk 2/-1/2 a – FrPk 2/-1/2 a (rgt. Picardie, Gardes Suisse, Gardes Francoise)
      • FrPk 2/-1/2 a – FrPk 2/-1/2 a – FrPk 1/-1/1 – (rgt. Gardes Ecossaises, Persan)
    • de La Ferté 0 8um centro, seconda linea
      • FrPk 1/-1/2 – – FrPk 1/-1/2 – (rgt. Razilly, La Reine, Mazarin)
      • FrPk 1/-1/1 – – FrPk 1/-1/1 – (rgt. Conty, Condé)
    • de Guiche 0 8um ala sinistra
      • FrCav 1/-/2 a – FrCav 1/-/2 a (rgt. La Ferteé, Gramont, Mazarin)
      • FrCav 1/-/2 a – FrCav 1/-/2 a (rgt. Cheveraux, Maillé, …)
    • Erlach 0 8um riserva
      • FrCav 1/-/1 – – FrCav 1/-/1 – (rgt. Erlach, Rouvigny, …)
      • FrCav 1/-/2 – (rgt. …)

Armata francese

Armata spagnola

19.600 uomini: 10.000 fanti, 7.800 cavalieri, 40 cannoni da campo

  • Armata spagnola: Leopold 0 8um – 5d6 [16]
    • SpSh 1/1/0 – sk/ln (rgt. …)
    • SpLC 1/1/0 a sk-ln (rgt.)
    • Bucquoy 0 8um ala destra
      • SpCav 2/-/1 a – SpCav 1/-/1 a (rgt. …)
      • SpCav 1/-/1 – – SpCav 1/-/1 – (rgt. …)
      • SpLC 1/1/0 a sk-ln (rgt.)
    • de Beck +1 8um centro, destra
      • SpMdArt 1/0/- – – SpLtArt 1/0/- – – SpLtArt 1/0/- –
      • SpPk 3/0/2 a – SpPk 3/0/2 a (rgt. Toledo, Bentivoglio, Guasco)
      • SpPk 2/0/2 – – SpPk 2/0/2 – (rgt. Solis, Vargas, Bonifacio)
      • SpSh 1/1/0 – sk/ln (rgt. …)
    • Fuensaldana +1 8um centro, sinistra
      • SpMdArt 1/0/- – – SpLtArt 1/0/- – – SpLtArt 1/0/- –
      • SpPk 1/0/1 – – SpPk 1/0/1 – (rgt. Beck, Monroy)
      • SpPk 1/0/1 – – SpPk 1/0/1 – (rgt. Bruay, Crevecoeur, Lamottiere, Grossbandon)
    • Carlo IV 0 8um ala sinistra
      • SpCav 2/-/1 a – SpCav 1/-/1 a (rgt. …)
      • SpCav 1/-/1 a – SpCav 1/-/1 a (rgt. …)
      • SpCav 1/-/1 – – SpCav 1/-/1 – (rgt. …)
      • SpLC 1/1/0 a sk-ln (rgt. …)

Armata spagnola

La storia

La battaglia di Lens si trova nel romanzo Vent’anni dopo di Alexandre Dumas o meglio, lo scrittore francese approfitta della battaglia per collocare i protagonisti nei pressi di Lens qualche giorno prima, piuttosto che raccontare lo contro.

L’esercito spagnolo delle Fiandre, al comando dell’arciduca Leopoldo, era diretta verso Lens per riprendere la città, da poco meno di un anno in mano francese. Per fermare il nemico la corona di Francia aveva richiamato il principe di Condé dalla Catalogna che, con una rapida marcia, si era anch’esso diretto nelle campagne intorno alla città.

Il principe di Condé alla battaglia di Lens
Il principe di Condé alla battaglia di Lens di Jean-Pierre Franque

L’esercito delle Fiandre era numericamente superiore e il principe di Condé, dopo aver schierato l’armata francese, decise di ripiegare, coprendo la ritirata, come di consueto, con la cavalleria. Le schermaglie tra le cavallerie avversarie rapidamente si estese coinvolgendo via via sempre più reparti sia francesi che spagnoli fino a trascinare nella battaglia i due eserciti al completo.

Le possenti formazioni dei tercios iberici guadagnano ben presto l’iniziativa al centro dello del campo di battaglia, mettendo in grave difficoltà le fanterie nemiche e avanzando verso il cuore dello schieramento nemico. Per fortuna del principe di Condé la cavalleria di de Guiche, sull’ala sinistra francese, travolge impetuosamente la cavalleria vallona e tedesca e inizia una manovra avvolgente convergendo verso il centro e minacciando sul fianco e alle spalle i tercios spagnoli già duramente impegnati sul fronte. Passa poco tempo e anche l’ala destra francese costringe alla fuga la propria controparte rovesciandosi poi sulla fanteria nemica.

Per i fanti spagnoli, risoluti e coraggiosi, sembra riproporsi il dramma già visto a Rocroi qualche mese prima: abbandonati dalla cavalleria, minacciati sui fianchi e alle spalle e già impegnati dal nemico sul fronte, i tercios, soprattutto quelli spagnoli, sono massacrati dal nemico. Dopo ore di tenace resistenza in una situazione insostenibile non resta altra scelta che la resa!