I regolamenti

A la guerre …

Regole di gioco per battaglie e schermaglie nell’Era dei Lumi e delle Guerre di Religione
di Gualtiero Grassucci

A la guerre … è un sistema per simulare battaglie campali su un tavolo di gioco utilizzando miniature. Attualmente esistono tre regolamenti basati su questo sistema:

  • A la guerre… battaglie nell’Era dei Lumi copre il XVIII secolo, dalla Guerra di successione spagnola fino alla Guerra dei Sette anni ed alla Guerra di Indipendenza Americana.
  • A la guerre… ¡¡No queda sino batirnos!! permette di giocare le battaglie del XVII secolo, dalla Guerra dei Trent’Anni alla Guerra della Lega di Augusta. Le liste eserciti di questo regolamento espandono le possibilità di gioco al XVI secolo.
  • A la guerre… de cape et d’épée è ambientato nei due secoli coperti dai due regolamenti precedenti ma si concentra sulla simulazione di piccoli scontri, scaramucce e schermaglie con particolare attenzione alla narrazione più che alla simulazione.
A la Guerre... No queda sino batirnos A la guerre… ¡¡No queda sino batirnos!!
Versione 2.1 battaglie campali nell’era delle guerre di religione
A la Guerre... BAttaglie nell'era dei lumi A la guerre… Battaglie nell’era dei lumi
scontri campali nel XVIII secolo
 La copertina del regolamento de cape et d’épée A la guerre… de cape et d’épée

scaramucce e schermaglie nell’era del moschetto

A la guerre … è un sistema interattivo, in cui i giocatori possono intervenire per disturbare le azioni dell’antagonista. Le regole principali di A la guerre … si possono apprendere in pochi minuti per giocare da subito con estrema soddisfazione. L’ampia scelta di regola avanzate ed opzionali permette di estendere la simulazione per battaglie sempre più interessanti. A la guerre … è storicamente accurato grazie alle numerose liste eserciti che precisano le caratteristiche di migliaia di diverse unità e tipi di truppe e specificano regole speciali pensate appositamente per meglio simulare il periodo storico.

Flessibilità

A la guerre … si può giocare con qualsiasi scala: 6mm, 15mm, 20mm (1/72), 25/28mm. Se possedete miniature già imbasettate non temete, il sistema di gioco funziona con basi di qualsiasi misura: ogni distanza, raggio di tiro, movimento è data in funzione di unità di misura astratta – la um – qualunque sia il vostro sistema di imbasettamento il fronte di una base è pari a 1um.

Esempio di base di fanteria
Granatieri prussiani su una base pronti per A la Guerre…: la base ha il fronte doppio della profondità, quindi il fronte, qualunque sia la sua misura, è ampio 2um mentre la base è profonda 1um.

Liste a punti

A la guerre … è basato su un sistema a punti estremamente flessibile che permette di giocare battaglie tra eserciti equilibrati. La vittoria arriderà solo al comandante migliore! Ci sono liste specifiche per il XVII secolo e per il XVIII secolo.

Distribuzione

A la guerre… nelle sue due versioni è disponibile gratuitamente in formato PDF. Se il regolamento vi piace, pensate di usarlo e volete contribuire allo sviluppo del progetto donate 5 euro per favorirne l’espansione! Qui potete scaricare la versione che avete scelto o che vi interessa.

5 euro per sostenere il progetto!

Fai una donazione, 5 euro per sostenere il progetto

Materiale di gioco

Di cosa hai bisogno …

Per giocare una battaglia settecentesca con A la guerre … hai bisogno, naturalmente, delle miniature. Vanno bene miniature/soldatini in qualsiasi scala montati su rettangoli di cartone o altro materiale rigido o semirigido: le basi. Sul regolamento trovi le misure suggerite per le basi ma in realtà puoi usare basi di qualsiasi misura, è sufficiente che le basi di tutti e due gli eserciti in campo siano consistenti (cioè, abbiano le stesse misure). Potete trovare suggerimenti specifici per imbasettare i vostri eserciti nelle due versioni: per il seicento o per il settecento.

C’è bisogno anche di normalissimi dadi a sei facce – d6, in numero uguale, circa, alle divisioni che compongono i due eserciti e di uno o più righelli per misurare le distanze, oltre a alcuni segnalini per contrassegnare le unità che hanno subito perdite o per evidenziare il loro stato di coesione (disordinate, scosse o in rotta). Segnalini, righelli e altro materiale si possono trovare nella pagina download.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *